head
Sistema Gestione Energia ISO 50001: i benefici superano le criticità

Sistema Gestione Energia ISO 50001: i benefici superano le criticità

16/11/2021

La ISO 50001 è la certificazione internazionale volontaria che consente alle aziende di raggiungere un uso più efficiente dell’energia e di ridurre le emissioni di CO2.

La FIRE (Federazione italiana per l’uso razionale dell’energia) ha presentato il Rapporto 2021 sui Sistemi di Gestione dell’Energia certificati ISO 50001; il documento è stato prodotto con la collaborazione del CEI (Comitato Elettrotecnico Italiano) e del CTI (Comitato Termotecnico italiano). 

Dal rapporto emerge come i benefici derivanti dal Sistema Gestione Energia superino le criticità. Vediamolo nel dettaglio.


Sistema Gestione Energia: il rapporto di FIRE


Il rapporto 2021 prodotto da FIRE contiene aggiornamenti sull’implementazione del Sistema Gestione Energia ISO 50001 e sull’impatto generato dalla modifica della norma del 2018. L’indagine ha coinvolto le organizzazioni certificate, gli esperti del settore e gli organismi di certificazione. Sono stati evidenziati i motivi che spingono le imprese a certificarsi e come i benefici energetici che derivano dal Sistema di Gestione Energia superano le criticità. 


Quasi tutti i partecipanti hanno trovato interessanti e vantaggiose le modifiche introdotte, grazie ai miglioramenti apportati alla norma.

All’indagine hanno partecipato 48 organizzazioni certificate, la maggior parte del settore industriale e con obbligo di diagnosi energetica o implementazione di un SGE.


ISO 50001: la svolta per il settore energetico internazionale


La norma ISO 50001 è stata pubblicata per la prima volta nel 2011. Ha rappresentato una svolta nel settore energetico internazionale. La volontarietà della norma ha permesso alle organizzazioni di fissare liberamente gli obiettivi da perseguire, le tempistiche e gli investimenti da attuare.


La nuova versione della norma è stata pubblicata il 20 agosto 2018; questa data ha segnato l’inizio di un periodo transitorio per il ritiro della versione del 2011. A causa dell’emergenza COVID, la scadenza del periodo di transizione è stato posticipato al 19 febbraio 2022. 

A seguito di questa scadenza tutti i certificati ISO 50001 dovranno avere come riferimento la nuova edizione; al fine di non perdere la validità, le organizzazioni devono assicurarsi di procedere al passaggio.


Norma ISO 50001: le modifiche apportate 


Quasi tutti i requisiti e i contenuti presenti nella norma ISO 50001 del 2011 sono presenti anche in quella del 2018. Evidenziamo le modifiche apportate, al fine di comprendere l’importanza della transizione e dell’aggiornamento del Sistema Gestione Energia:


  • introduzione di una High Level Structure (HLS): si tratta di una struttura a 10 punti, che viene usata anche per le altre norme di gestione (es. ISO 90001, ISO 14001); questo permette di facilitare l’implementazione all’interno di un’organizzazione già certificata secondo gli stessi standard;
  • ridistribuzione dei contenuti presenti nel capitolo 4 della norma del 2011, in cui erano contenuti i passaggi per l’applicazione di un SGE; nella versione del 2018 il capitolo è suddiviso in contesto dell’organizzazione, leadership, gestione dei rischi e delle opportunità (attualmente capitoli 4, 5 e 6).


Ogni azienda ha consumi energetici ed impatti ambientali diversi, quindi è necessario che la propria realtà sia contestualizzata (contesto dell’organizzazione). I manager devono ricoprire un ruolo decisivo all’interno del SGE per garantire il miglioramento continuo delle proprie prestazioni energetiche (leadership). L’analisi del rischio è correlata al contesto, tramite cui poter individuare e comprendere i fattori che influenzano i consumi energetici (gestione dei rischi e delle opportunità).


Certificazione ISO 50001: i benefici della certificazione


Inizialmente le imprese hanno implementato la norma ISO 50001 per adeguare il loro sistema EN 16001 (predisposto solo a livello europeo). Con l’introduzione dell’obbligo di diagnosi energetica (D. lgs. 102/2014) per le imprese energivore, è cresciuto il numero di siti certificati. Il Sistema Gestione Energia certificato esonera l’impresa dall’obbligo in quanto la diagnosi viene effettuata direttamente all'interno del SGE.


I benefici che derivano dall’implementazione del Sistema Gestione Energia spingono le aziende a certificarsi:


  • riduzione dei consumi, quindi abbassamento dei costi;
  • competitività aziendale: la gestione dell’energia rappresenta una risorsa importante grazie all’abbattimento delle emissioni di CO2;
  • partecipazione a gare d’appalto pubbliche, bandi di finanziamento e bandi della pubblica amministrazione che tra i requisiti presentano tale certificazione.


Il Sistema di Gestione dell’Energia è considerato uno strumento strategico in grado di:


  • migliorare la struttura dei costi aziendali legati alla gestione energetica
  • identificare le priorità e le prestazioni energetiche
  • ottenere margini di guadagno su prodotti e servizi grazie alla riduzione delle spese e ad una maggiore facilità nell’ottenimento di finanziamenti


Il punto centrale del Sistema di Gestione Energia è il concetto di miglioramento continuo. 

Al fine di garantire benefici a lungo termine, è necessaria una ricerca costante degli interventi di efficientamento da attuare ed elaborare obiettivi energetici legati ai risparmi.


DEESME: il progetto europeo che supporta le PMI


L’Unione europea mediante la direttiva sull’efficienza energetica punta a migliorare la competitività economica e ad aumentare la sicurezza energetica. Nello specifico l’articolo 8 definisce come raggiungere questo obiettivo e impone agli Stati membri di promuovere e facilitare sia gli audit energetici sia l’implementazione del SGE, incoraggiando le piccole e medie imprese.

Il progetto DEESME nasce proprio con questo obiettivo; è stato finanziato da Horizon 2020 per il triennio 2020-2023, in collaborazione con FIRE:


  • supporta le PMI e le autorità nazionali a gestire la transizione energetica;
  • fornisce linee guida e raccomandazioni al fine di potenziare i Sistemi di Gestione dell'Energia;
  • organizza corsi di formazione e informazione;
  • aumenta la consapevolezza delle aziende in merito all’adozione di soluzioni di efficienza energetica.


Gli interventi di efficientamento energetico favoriscono la transizione energetica in Italia. 

Il GSE nel 2020 ha contribuito attivamente a rendere sostenibile il Paese supportando investimenti in economia verde (2,2 miliardi di euro) e in sostenibilità (oltre 15 miliardi di euro) puntando all’efficienza energetica, alle rinnovabili termiche, ai biocarburanti e al meccanismo ETS (Emission Trading Scheme).


Consulenza ISO 50001: più efficienza, meno emissioni, più risparmi


Il Sistema Gestione Energia ISO 50001 contribuisce al raggiungimento dei seguenti obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs):


  • Obiettivo 7: energia conveniente e pulita
  • Obiettivo 11: città e comunità sostenibili
  • Obiettivo 12: consumo e produzione responsabili
  • Obiettivo 13: azione per il clima


La maggiore consapevolezza verso la transizione ecologica influisce sui trend di crescita: il numero di certificazioni è in continuo aumento.


Per una gestione efficiente dell’energia aziendale rivolgiti ai nostri esperti: richiedi una consulenza ISO 50001. 

ARTICOLI CORRELATI

Mettiti in contatto con noi

contact

Ho preso visione dell'informativa sulla Privacy e i termini di utilizzo
Presto il consenso al trattamento dei miei dati per finalità di marketing mediante contatto tradizionale (telefono con operatore, posta)
Presto il consenso al trattamento dei miei dati per finalità di marketing mediante contatto di tipo automatizzato (telefono senza operatore, sms, mms, e-mail, fax)
Presto il consenso al trattamento dei miei dati personali alle altre società facenti parti del gruppo Tecno, per il trattamento svolto in proprio da parte di queste ultime per le medesime finalità promozionali