head
Come raggiungere sostenibilità, competitività ed efficienza nella produzione vinicola

Come raggiungere sostenibilità, competitività ed efficienza nella produzione vinicola

07/06/2021

Gli interventi di efficienza energetica e i processi produttivi sostenibili contribuiscono ad aumentare il senso di responsabilità e di scelta da parte dei consumatori. Il cliente finale predilige prodotti regionali e nazionali sempre più attenti alla sicurezza alimentare, agli effetti sulla salute, alla produzione sostenibile, alla responsabilità sociale.


Il nuovo approccio dei produttori è orientato alle esigenze dei consumatori, nel rispetto per l’ambiente, per le risorse naturali e per la qualità dei prodotti. Realizzare produzioni e lavorazioni competitive, efficienti e di qualità rappresenta un’esigenza per il settore vinicolo e per l’intera filiera agroalimentare.

Approfondiamo come raggiungere sostenibilità, competitività ed efficienza nella produzione vinicola e quali sono gli obiettivi fissati dall’Unione europea per le aziende vinicole.


Il peso dei consumi energetici nei processi della produzione vinicola


La produzione vinicola si basa su processi energivori. E necessaria quindi l’attenzione alle risorse usate nei processi di produzione e ai costi energetici correlati.

L’elettricità è la principale fonte di energia utilizzata nelle cantine, in particolare nelle seguenti attività:


  • controllo della temperatura
  • motori di pompe e presse
  • imbottigliamento
  • conservazione
  • illuminazione


Gran parte dei consumi energetici è rilevata nei processi di fermentazione e di stabilizzazione; il riscaldamento dell’acqua e dei locali sfruttano le risorse provenienti da fonti di energia non rinnovabile, tra cui il gasolio.


Cosa incide sui consumi e sui costi


Le dimensioni aziendali influiscono notevolmente sui consumi. Ciò che più incide sui consumi energetici sono le fasi di produzione del vino; inevitabilmente, i costi in uscita ne risentono.

Per ottenere un vino di qualità è richiesto un consumo elettrico abbastanza elevato nelle fasi di raffreddamento e invecchiamento. Il vino, infatti, deve essere immagazzinato in condizioni ambientali controllate; attività che solitamente avviene mediante l’uso di pompe di calore, utili al condizionamento durante lunghi periodi di tempo.


Il settore vinicolo è soggetto alla stagionalità della produzione. Questo vuol dire che i consumi energetici sono più elevati tra agosto ed ottobre, periodo della campagna stagionale della produzione vinicola. I restanti mesi sono dedicati ad attività quali confezionamento, immagazzinamento ed attività ausiliarie.


Sostenibilità produttiva e interventi di efficienza energetica


L’utilizzo di tecnologie innovative consente di migliorare la qualità del vino da punto di vista fisico-chimico e accresce la competitività nei mercati nazionali ed internazionali.


Sotto il profilo ambientale l’innovazione rafforza la sostenibilità e la competitività dell’intero sistema agroalimentare. La sostenibilità produttiva aumenta l’efficienza del settore agroalimentare, contribuisce ad ottimizzare la produzione, minimizzando gli sprechi e riducendo le emissioni di CO2. Le azioni finalizzate alla riduzione dei diversi impatti ambientali valorizzano il territorio, il prodotto finale e il brand aziendale. Tra quelle più vantaggiose c’è la diagnosi energetica.


La diagnosi energetica consente di monitorare l’efficienza energetica della tua azienda vinicola:


  • individua e quantifica le opportunità di risparmio energetico
  • valuta gli interventi utili a migliorare le prestazioni
  • riduce i costi


La diagnosi energetica permette di implementare un sistema di gestione dell’energia ISO 50001, favorendo un uso dell’energia più consapevole.


Gli obiettivi dell’Ue per le aziende vinicole


Di fronte alla crescita della popolazione mondiale e ai cambiamenti climatici, l’agricoltura sostenibile e la produzione vinicola giocano un ruolo socio-economico fondamentale in Italia e in Europa.

Il sistema vitivinicolo e agroalimentare costituiscono uno dei pilastri dell’economia italiana per fatturato e occupazione, contribuendo in misura significativa al Made in Italy nel mondo.

L’Unione europea è il maggior produttore mondiale di vino, con un’alta percentuale dedicata all’esportazione. Per accrescere il valore e il ruolo delle aziende vinicole, l’Ue fissa importanti obiettivi, quali:


  • rendere i produttori di vino più competitivi, rafforzando la reputazione dei vini europei
  • ottimizzare il rapporto tra domanda e offerta, attraverso una gestione più semplice ed efficace del mercato
  • preservare la viticoltura europea tradizionale, spingendo con innovazione sul piano sociale ed ambientale


Un prodotto sostenibile è più vendibile sul mercato. Per questo motivo, avviare un percorso di sostenibilità nei processi produttivi, favorisce un ritorno economico, di immagine e di reputazione.


Intraprendi con noi un percorso di sostenibilità integrata. Mettiti in contatto con i nostri esperti per saperne di più.

ARTICOLI CORRELATI

Mettiti in contatto con noi

contact

Ho preso visione dell'informativa sulla Privacy e i termini di utilizzo
Presto il consenso al trattamento dei miei dati per finalità di marketing mediante contatto tradizionale (telefono con operatore, posta)
Presto il consenso al trattamento dei miei dati per finalità di marketing mediante contatto di tipo automatizzato (telefono senza operatore, sms, mms, e-mail, fax)
Presto il consenso al trattamento dei miei dati personali alle altre società facenti parti del gruppo Tecno, per il trattamento svolto in proprio da parte di queste ultime per le medesime finalità promozionali